L’importanza dell’analisi dei competitors alla ricerca della strategia corretta

In un mercato saturo come quello di oggi, analizzare i propri concorrenti non è mai stato così importante.

Perché?

Questo tipo di analisi consente alle aziende di studiare i propri competitors e di individuare quali sono i punti di forza e gli aspetti più importanti in una determinata area di mercato.
La conoscenza dell’ambiente circostante è il punto di partenza principale per costruire un buon vantaggio competitivo.


Da dove cominciare?

Per prima cosa è necessario individuare quali sono i competitors, reali e potenziali. Per fare questo ci si può avvalere di internet e Google, preziosi alleati in questa ricerca. Si possono anche visitare i siti delle più importanti marche operanti nel mercato in questione, per prendere ispirazione dai “grandi”.

Una volta individuati i concorrenti, bisogna raccogliere tutte le informazioni possibili su di loro: in questo caso vengono in aiuto operatori come Cerved, che forniscono documenti societari, e tools come Alexa, che offrono analisi del comportamento degli utenti.

Terminata la fase di ricerca, è giunto il momento di analizzare tutti i dati raccolti: attraverso grafici, tabelle e fogli di calcolo si possono elaborare agevolmente le informazioni reperite e sarà più facile comprendere appieno la situazione.

Generalmente il confronto fra i business si focalizza sui prodotti venduti, il fatturato ed il ROI. Grazie a questa analisi sarà possibile valutare i punti di forza e di debolezza non solo della propria azienda, ma anche quelli dei competitors.

Questa ricerca offre anche un efficace mezzo di analisi del profilo organizzativo, sia interno che esterno, della concorrenza, fornendo utili spunti per la gerarchia organizzativa del proprio business nel caso in cui ci fosse qualcosa da cambiare.

Infine, ultimata questa fase di studio ed analisi, sarà possibile sviluppare nuove strategie di produzione e marketing per diventare più competitivi ed emergere nel mercato.

Strategie per battere i competitors

Perché brancolare nel buio quando si può avere una guida esperta?

Chiunque è in grado di svolgere un’analisi dei propri competitors. Come chiunque è in grado di cucinare. Ma siamo sicuri di farlo bene per davvero? Siamo certi di voler impostare le nostre strategie su analisi di cui non siamo proprio sicuri?

Per avere un’esito qualitativamente elevato è consigliato affidarsi ad un team di esperti. In un’agenzia di comunicazione questo tipo di analisi sono parte integrante del lavoro svolto, esperienza e know-how sono caratteristiche indiscutibili di questi maestri della comunicazione. I risultati di analisi e ricerche effettuate da questi team sono tali da giustificare l’attivazione di nuove strategie o l’implementazione di quelle esistenti alla luce di informazioni verificate e assodate.

Bisogna comunque tenere a mente che lo studio della concorrenza non può assolutamente sostituire l’analisi dell’andamento interno del proprio business: solo una visione chiara ed onesta della propria azienda può consentire di aprirsi al cambiamento e attuare dei miglioramenti, prendendo spunto dalle strategie perpetuate dai competitors.

E tu, quanto conosci della tua azienda? E dei tuoi concorrenti?

Precedente Successivo

Lascia un commento