Il Rebranding di un business

Ogni giorno tantissime aziende affrontano i problemi più disparati, cercando di creare nuove strategie per superarli. Molte di queste problematiche sono un derivato della crisi economica e finanziaria che dal 2008 si trascina ancora in un’Italia che non riesce a superarla. Altre difficoltà sono invece derivanti dal contesto globale odierno, un mercato sempre più mutevole e competitivo, che lascia indietro le aziende poco flessibili al cambiamento.

Alcune aziende poi si perdono all’interno di questo “spietato” mercato perché il loro concetto di brand risulta troppo obsoleto per i consumatori. Proprio questo tipo di imprese necessita di una rapida, efficace ed inevitabile attività di rebranding.

Che cos’è un brand?

Prima di imbarcarsi in una strategia di rebranding è necessario conoscere ciò che costituisce il branding.
Il brand è l’identità dell’azienda e bisogna innanzitutto capire se i clienti attuali e potenziali condividono la vostra stessa idea di brand. Se questo non accade, vuol dire che c’è un grosso problema nella vostra comunicazione aziendale. Essere in grado di comunicare chi siete e ciò che i consumatori si aspettano dalla vostra azienda dovrebbe essere la vostra principale priorità.

È il momento di fare rebranding?

Solo perché la vostra identità aziendale non viene rinnovata da molti anni, non vuol dire che sia il momento giusto per ricorrere ad una strategia di rebranding.
Prima di rinnovare il vostro brand, chiedetevi se davvero non riuscite a raggiungere il segmento di mercato desiderato e perché non ci riuscite. Se la risposta è perché i consumatori non conoscono correttamente la vostra offerta, allora è giunto il momento di pensare al rebranding.

Come attuare una strategia di rebranding?

Per rinnovare il vostro brand, il nostro consiglio è quello di seguire questi pochi ma semplici step:

Capite i valori che volete comunicare con il vostro brand, prima di ripensare il brand stesso. Le fondamenta della vostra identità aziendale sono rappresentate dai valori che volete trasmettere;

Chiedete aiuto ai vostri clienti. È importantissimo conoscere ciò che pensano, sentono e si aspettano ogni volta che interagiscono con il vostro brand e/o i vostri prodotti;

Cercate di capire ciò che non funziona nella vostra azienda e per quale motivo la comunicazione tra voi e i consumatori non è ottimale. In questo modo trovare la soluzione sarà molto più semplice e comporterà un dispendio di energie e risorse decisamente minore;

Diffondete i valori del vostro nuovo brand attraverso qualsiasi canale di comunicazione aziendale voi gestiate, compreso il sito web, i social media, ecc. Fate in modo che tutti i vostri collaboratori abbiano compreso in modo corretto il significato del vostro brand, e che siano in grado di comunicarlo in maniera efficace ai clienti.

Non smettete mai di promuovere il vostro nuovo brand e, soprattutto, siate consistenti e persistenti. Vari studi hanno dimostrato che supportare il proprio brand anche nei momenti di crisi porta risultati più positivi e maggiori vendite quando l’economia ricomincia a circolare.

Infine, è necessario che siate consistenti con il nostro brand per non confondere i clienti: se oggi fate rebranding, ma tra una settimana vi riferirete ancora al precedente brand e la precedente filosofia, potrete facilmente generare confusione.

Questa strategia può risultare la chiave di volta per il successo del vostro brand, ma anche il vostro fallimento. È molto importante che essa venga studiata e applicata nel modo più corretto e adeguato al tipo di azienda e alle vostre necessità.
Altra chiave di volta nel processo di rebranding è la scelta del partner che vi accompagnerà nel percorso. Un’agenzia composta da professionisti vi permetterà di comprendere meglio le problematiche del vostro brand e individuare le strategie migliori per superarle e promuovere il vostro brand, raggiungendo il market segment desiderato.

Se vi interessa conoscere come sviluppare una campagna di rebranding, contattateci subito.

Precedente Successivo

Lascia un commento